Il livello degli anticorpi contro il SARS Cov-2 diminuisce 3 mesi dopo la doppia vaccinazione.

Lo accerta uno studio belga pubblicato su Emerging Microbes & Infections,  realizzato per valutare la risposta anticorpale in una gruppo di operatori sanitari che avevano ricevuto due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech.

 “In questo studio – spiegano i ricercatori – riportiamo un significativo calo degli anticorpi 3 mesi dopo la vaccinazione in individui sia sieronegativi che sieropositivi che hanno ricevuto due dosi del vaccino BNT162b2 [Pfizer-BioNTech]. La presenza e la quantità media degli anticorpi più alti sono stati osservati tra i 14 e 42 giorni per i sieropositivi e tra i 28 e 42 giorni per i sieronegativi.

A 3 mesi dalla inoculazione è stata identificata una diminuzione media degli anticorpi del 37,9% negli individui sieronegativi e del 44,7% negli individui sieropositivi.

Per verificare questa risposta, 200 persone sono state sottoposte a un prelievo di sangue 2 giorni prima della prima dose di vaccino. Tra questi operatori 142 (71%) sono stati classificati come sieronegativi, mentre 58 (29%) erano sieropositivi. I campioni sono stati quindi raccolti dopo 14, 28, 42, 56 e 90 giorni. Gli anticorpi contro il SARS-CoV-2 sono stati misurati in tutti gli individui in diversi momenti.

La risposta anticorpale è stata più alta nei partecipanti sieropositivi rispetto ai partecipanti sieronegativi. In entrambi i soggetti sieropositivi e sieronegativi, è stata osservata una significativa diminuzione degli anticorpi a 3 mesi rispetto al picco di risposta.

I partecipanti hanno ricevuto la prima dose di vaccino dal 18 gennaio 2021 al 17 febbraio 2021. La seconda dose è stata somministrata 21 giorni dopo la prima. Tutti i volontari sono stati sottoposti a prelievo di sangue 2 giorni prima della prima dose di vaccino. I campioni sono stati quindi raccolti dopo 14, 28, 42, 56 e 90 giorni. Dopo tre mesi erano disponibili i dati di un totale di 200 partecipanti.

I risultati dello studio hanno attestato “un significativo declino anticorpale 3 mesi dopo la vaccinazione in individui sia sieronegativi che sieropositivi che hanno ricevuto due dosi del vaccino”. Il livello di anticorpi medio più alto è stato osservato tra i 14 e i 42 giorni per i partecipanti sieropositivi e tra i 28 e 42 giorni per i partecipanti sieronegativi. Precedenti studi hanno anche riscontrato una risposta massima precoce in individui sieropositivi. A 3 mesi, è stata identificata una diminuzione media degli anticorpi del 37,9% e del 44,7% negli individui sieronegativi e sieropositivi dalla risposta anticorpale media più alta.

Tutti i partecipanti presentavano in ogni caso ancora “una robusta risposta anticorpale” a 3 mesi. Inoltre, secondo lo studio, la vaccinazione con Pfizer ha suscitato presenza e livello di anticorpi molto più elevati a 3 mesi, rispetto a quelli raccolti nel siero di pazienti convalescenti utilizzando lo stesso dosaggio. Si è ipotizzato un calo al di sotto della soglia di positività dopo 554 giorni per i sieronegativi, e dopo 1184 giorni per i sieropositivi. Sono tuttavia previsioni che secondo i ricercatori “rimangono ad oggi speculative e dovranno essere confermate da successivi tempi di campionamento”.  Rimane da capire “come mantenere livelli di anticorpi sufficienti per proteggere i soggetti vaccinati contro SARS-CoV-2”, ma anche contro le relative varianti, “che hanno tutte dimostrato forme di fuga immunitaria”. Infine “mancano dati sul contributo della risposta immunitaria cellulare. I dati sulla cinetica anticorpale a lungo termine nei soggetti vaccinati sono ancora scarsi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *