Nuove conferme dei vantaggi dell’immunità naturale contro il Covid-19 arrivano da Israele.

Un grande studio scientifico, condotto nel Paese con la più alta percentuale di vaccinati del mondo, rileva che coloro che sono stati precedentemente infettati dal Sars-CoV-2 acquisiscono una maggiore protezione dalle varianti rispetto a coloro che sono completamente vaccinati.

Per confrontare l’immunità naturale rispetto a quella indotta dal vaccino, sono state esaminate più di 32 mila cartelle cliniche di israeliani, tra il 1 e il 15 agosto scorso, periodo durante il quale la variante Delta era il ceppo infettivo predominante nel Paese.

I ricercatori hanno esaminato infezioni, sintomi e ricoveri dal database della Maccabi Healthcare Services, una delle quattro organizzazioni per la salvaguardia della salute attualmente attive in Israele.

In questa analisi hanno scoperto che le persone che non erano mai state infettate prima, ma che erano state vaccinate, hanno da sei a 13 volte più probabilità di contrarre l’infezione, rispetto alle persone non vaccinate che sono state precedentemente infettate.

Analizzando i dati, hanno appurato che il rischio di sviluppare Covid-19 sintomatico è 27 volte più alto tra i vaccinati e il rischio di ricovero otto volte più alto.

La protezione immunitaria naturale che si sviluppa dopo un’infezione da Sars-CoV-2 offre quindi una protezione molto maggiore contro la variante Delta rispetto a due dosi del vaccino Pfizer-BioNtech. E i dati appena pubblicati nello studio pre-print, dimostrano che chi ha avuto l’infezione da CoV-2 ha molte meno probabilità rispetto alle persone mai infettate e vaccinate di contrarre Delta, di sviluppare sintomi o di essere ricoverate in ospedale con un grave Covid-19.

Nessuno nello studio di coloro che hanno contratto una nuova infezione da Covid-19 è morto, il che ha reso impossibile confrontare i tassi di mortalità. Allo stato attuale della sperimentazione, i vaccini offrono uno scudo contro il Covid-19, anche in forma grave, ma non sono efficaci quanto l’immunità naturale. Proprio come l’infezione può verificarsi in coloro che sono stati precedentemente infettati, può verificarsi anche in coloro che sono stati vaccinati e può essere ancora grave. In realtà, i casi di malattia nei vaccinati, sono molto più comuni dei casi di reinfezione nei guariti da Covid-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.